Ogni anno la festa dell'olio e della castagna di Molina suddivide i ricavi dei banchi gestiti dal comitato in questo modo:

  1. Parte del ricavato servirà per supportare le spese degli anni successivi
  2. Parte del ricavato viene dato in beneficenza ad organizzazioni no-profit scelte ad inizio anno
  3. Parte del ricavato viene utilizzato per apportare miglioramenti al paese

 

Oltre che con il ricavato dei banchi del comitato ogni anno cerchiamo di allargare la solidarietà commissionando ad associazioni onlus alcune forniture necessarie per lo svolgimento della festa. Ad esempio nell'edizione del 2010 abbiamo incaricato un'associazione di Pontasserchio, di ragazzi diversamente abili, per il confezionamento degli involucri per le caldarroste.

Per dimostrare l'assoluta nitidezza riportiamo un piccolo schema dei vari progetti portati a compimento da quando la festa è nata:

 

 

Inoltre il comitato in questi anni ha contribuito a progetti scolastici come la realizzazione del libro "Storie tra i banchi" delle classi della scuola di Pappiana e piccoli progetti didattici per gli asili locali. Ha organizzato feste per bambini nel vecchi asilo di Molina (posto in Loc. la buca) in collaborazione con la parrocchia di Molina di Quosa e cene paesane con serate danzanti.


Per confermare quanto detto sopra, riportiamo alcuni attestati che ci hanno rilasciato le associazioni no-profit alle quali abbiamo donato il nostro contributo:

 


{pgslideshow id=14|width=910|height=1280|delay=3000|image=L}

Percorso